Una querela, la “guerra di Calabria” e il paradigma della giustizia in Italia

di Alessandro Ambrosini Ci sono storie che sfuggono, molte volte, alla grande stampa. Storie che danno l’esatto metro di valutazione dello stato di salute del nostro Paese. Mentre prosegue, senza troppi clamori mediatici, il processo al “sistema Palamara”, la giustizia italiana si sta misurando su un terreno di “guerra” tra i più complessi e oscuri: … Continua a leggere Una querela, la “guerra di Calabria” e il paradigma della giustizia in Italia

Editoriale/ Non aprite quella porta. Analisi di un golpe bianco

di Alessandro Ambrosini Tutto cambierà, tutto sta cambiando, tutto cambia. Si dissolve lentamente il mondo che conosciamo. L’avvento di questo virus non ha portato soltanto un numero spietato di uomini e donne seppellite senza un fiore, senza una lacrima, senza la dignità del trapasso. Nei nostri silenzi, mentre siamo chiusi nelle nostre scatole di sogni … Continua a leggere Editoriale/ Non aprite quella porta. Analisi di un golpe bianco

Terra bruciata intorno al Freddo. Con proiettili e lettere, la vendetta della Banda della Magliana, annuncia il suo arrivo

di Alessandro Ambrosini Alcune verità, in Italia, sembrano essere un fardello più che una medaglia da appendere al petto di chi combatte per farla emergere. Quelle di Maurizio Abbatino sono una condanna a morte, latente. Ed è quello che lui ha detto e controfirmato il motivo per cui, il suo avvocato Alessandro Capograssi e la … Continua a leggere Terra bruciata intorno al Freddo. Con proiettili e lettere, la vendetta della Banda della Magliana, annuncia il suo arrivo

Felice Maniero in manette. Quando la violenza sulle donne ha la faccia di un boss “coccolato”

di Ambrosini Alessandro Luca Mori alias Felice Maniero è tornato in carcere. Questa è la notizia che il Giornale di Brescia, nell’edizione di oggi, mette in prima pagina. Non entra nel carcere di Bergamo con accuse legate alla sua attività di boss mafioso, nemmeno per quella di “imprenditore”. L’accusa firmata giovedì dal gip bresciano Luca … Continua a leggere Felice Maniero in manette. Quando la violenza sulle donne ha la faccia di un boss “coccolato”

L’omicidio di Diabolik è la bomba o l’innesco? In autunno a Roma non cadranno solo foglie

di Alessandro Ambrosini Roma non sanguina. Roma “butta” sangue, quando i corpi senza vita rimangono sul selciato o sul terriccio di un parco. E il sangue, questa volta, non è solo quello di un uomo ma è quello del capo curva più famoso in Italia e all’estero: Fabrizio Piscitelli, per tutti gli ultras solo Diabolik, … Continua a leggere L’omicidio di Diabolik è la bomba o l’innesco? In autunno a Roma non cadranno solo foglie

Scarantino ritratta le accuse ai magistrati che indagano sulle stragi e punta il dito sul gruppo investigativo di La Barbera

"Il dottor Di Matteo non mi ha mai suggerito niente, il dottor Carmelo Petralia neppure. Mi hanno convinto i poliziotti a parlare della strage. Io ho sbagliato una cosa, ho  fatto vincere i poliziotti, di fare peccare la mia lingua e  non ho messo la museruola...". Il colpo di scena arriva a metà udienza del processo sul depistaggio … Continua a leggere Scarantino ritratta le accuse ai magistrati che indagano sulle stragi e punta il dito sul gruppo investigativo di La Barbera

Raggi sotto scorta e “blindata”. La “galassia” Casamonica pronta a colpire?

Da pochi giorni la scorta per la sindaca di Roma , Virginia Raggi, è stata rinforzata. L’agente della polizia municipale che finora l’ha accompagnata nei suoi spostamenti è stato sostituito da due poliziotti e ora tutti viaggiano su un’auto blindata, una Lancia Thesis. I motivi dell’innalzamento del livello di protezione sono tenuti riservati ma, come scrive il Fatto Quotidiano, una fonte … Continua a leggere Raggi sotto scorta e “blindata”. La “galassia” Casamonica pronta a colpire?

“Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto

di Alessandro Ambrosini La prima volta che incrociai Maurizio Dianese, uno dei giornalisti di punta della “nera” in Veneto, fu nel novembre del 2013. Lo chiamai telefonicamente per avere spiegazioni di un suo articolo che parlava della mia denuncia per minacce e ingiurie nei confronti di Felice Maniero. Storicamente, sul Gazzettino, tutto ciò che riguardava … Continua a leggere “Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto

La replica di Maurizio Dianese:”Sono colpevole di giornalismo”

di Redazione Ricevo e pubblico la replica di Maurizio Dianese. I suoi toni non li commento, come non commento le sue invettive. Risponderò punto per punto in un articolo, pubblicherò tutto ciò che servirà per far capire questa querelle durata anche troppo. Sembrerà una battaglia per "addetti ai lavori", ma non è così. E' tempo … Continua a leggere La replica di Maurizio Dianese:”Sono colpevole di giornalismo”

Tra mafia e informazione una gentilezza di troppo. Quando l’intervista diventa strumento delle mafie

di Alessandro Ambrosini Quando gli organi d’informazione trattano argomenti di mafia o criminalità organizzata, il dogma per chi scrive o ne parla, è il rigore più assoluto. E’ una regola non scritta e molte volte non seguita da testate giornalistiche e da scrittori che si occupano dell’argomento. Soprattutto quando si ha la possibilità di intervistare … Continua a leggere Tra mafia e informazione una gentilezza di troppo. Quando l’intervista diventa strumento delle mafie