Gratteri si prepara al maxiprocesso, ma il gip non ha ancora deciso

di Tiziana Maiolo per Il Riformista La grancassa del maxiprocesso con mille partecipanti su un territorio di tremila metri quadri è sempre più roboante e viene annunciata ogni settimana almeno con un'intervista al procuratore Nicola Gratteri, che non soffre certo di crisi di astinenza Una sguaiataggine continuata che pare non turbare i sonni di quel Consiglio … Continua a leggere Gratteri si prepara al maxiprocesso, ma il gip non ha ancora deciso

Fenomenologia di Luca Palamara

di Beatrice Nencha Cos’altro si può aggiungere sul “caso Palamara” che non sia stato già detto e già “captato”? Probabilmente ancora molto, soprattutto se spostiamo il punto di vista. E lo deviamo dall’agenda di Luca Palamara a un contesto più ampio di legami e correnti che, se analizzati nel loro insieme, vanno a comporre degli … Continua a leggere Fenomenologia di Luca Palamara

Intervista a Otello Lupacchini «Quanti giochi di potere dietro le intercettazioni. Basta coi pm politicizzati e i giornalisti complici»

tratto da Il Giornale di Felice Manti   Le intercettazioni dei magistrati uscite sui giornali danno uno spaccato in- quietante sulla magistratura... «Non sono ossessionato dalle intercettazioni, telefoniche, ambientali e telematiche, qua- le mezzo di ricerca della prova, e parlo, ci tengo a precisarlo, come esperto di tecniche d’investigazione. Al di là dell’enorme business economico … Continua a leggere Intervista a Otello Lupacchini «Quanti giochi di potere dietro le intercettazioni. Basta coi pm politicizzati e i giornalisti complici»

Il Cerchio, storia di magistrati, politica e stampa. Il “suicidio perfetto” del potere

di Alessandro Ambrosini Ieri sera, a Non è l’Arena, programma condotto da Massimo Giletti, è andato in onda un vero e proprio “suicidio”, senza sangue e senza morti. Lo scontro telefonico tra il procuratore antimafia e membro del Csm, Nino Di Matteo e il ministro di Giustizia, Alfonso “Dj Fofò” Bonafede, mette una pietra tombale … Continua a leggere Il Cerchio, storia di magistrati, politica e stampa. Il “suicidio perfetto” del potere

L’affaire Novelli: “Se c’è stato dolo, è avvenuto al Mise”. L’accusa del senatore Lucidi

di Beatrice Nencha “Se c’è stato dolo, questo dolo si è consumato a Roma, il 22 dicembre 2016, negli uffici del Ministero dello Sviluppo Economico. Però bisogna fare una premessa: l’attacco è avvenuto ben prima. Ed è stato  pianificato, come spesso avviene in queste vicende legate al mondo del fallimentare”. Scandisce le parole il senatore … Continua a leggere L’affaire Novelli: “Se c’è stato dolo, è avvenuto al Mise”. L’accusa del senatore Lucidi

Il caso Lupacchini. La sentenza del Csm regala fiato al crimine organizzato. Si stappa champagne e si medita vendetta tra i vecchi e i nuovi clan / Seconda parte

di Alessandro Ambrosini C’è un antico proverbio arabo che recita: “Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani”. E’ quello che, metaforicamente e senza puntare il dito su nessuno in particolare, sta succedendo dopo il trasferimento dell’ex procuratore generale di Catanzaro, Otello Lupacchini. … Continua a leggere Il caso Lupacchini. La sentenza del Csm regala fiato al crimine organizzato. Si stappa champagne e si medita vendetta tra i vecchi e i nuovi clan / Seconda parte

Il caso Lupacchini. Quando la verità è una colpa/ Prima parte

di Alessandro Ambrosini Il delitto perfetto esiste, nella forma. Non erano ancora le diciotto di ieri sera quando la Giustizia è stata assassinata da chi dovrebbe servirla e garantirla. Ieri, senza dubbio, è stato creato un precedente pericoloso: la verità è una colpa. La sentenza La sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura ha trasferito … Continua a leggere Il caso Lupacchini. Quando la verità è una colpa/ Prima parte

Catanzaro/ Sequestrati beni per 800mila euro al capo cosca dei Sia-Procopio-Tripodi

Beni immobili del valore di circa 800.000 euro sono stati sequestrati a Fiorito Procopio, indicato come capo della cosca Sia-Procopio-Tripodi, operante nel basso Ionio catanzarese. Il provvedimento e’ scaturito da indagini patrimoniali coordinate dal procuratore capo della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dal procuratore aggiunto Vincenzo Luberto, ed e’ stato eseguito stamane da uomini … Continua a leggere Catanzaro/ Sequestrati beni per 800mila euro al capo cosca dei Sia-Procopio-Tripodi

Catanzaro/ Sequestrati dal Gico più di 700 mila euro a uomo del “Professore” Giampà, il capocosca

Un patrimonio del valore di 744.000 euro e’ stato sequestrato dal Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro. Il provvedimento e’ stato emesso dal Tribunale delc apoluogo calabrese- Sezione Seconda Penale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. I beni sarebbero riconducibili a a Franco Trovato , ritenuto affiliato alla cosca di ’ndrangheta Giampa’, operante a … Continua a leggere Catanzaro/ Sequestrati dal Gico più di 700 mila euro a uomo del “Professore” Giampà, il capocosca