Appello bis, l’abbraccio (plateale) dei due ex “Re” del Mondo di Mezzo e lo sfogo del legale Diddi: “Condizionato dall’esposto contro di me”

di Beatrice Nencha Se ci fosse un’immagine iconica della prima udienza, meramente “tecnica” (si entrerà nel vivo solo dal 3 novembre, con le richieste di patteggiamento), del nuovo processo in Corte di Appello agli imputati del “Mondo di Mezzo”, sarebbe la foto dell’abbraccio tra l’ex “Re di Roma” Massimo Carminati, ormai scagionato dall’accusa di mafiosità … Continua a leggere Appello bis, l’abbraccio (plateale) dei due ex “Re” del Mondo di Mezzo e lo sfogo del legale Diddi: “Condizionato dall’esposto contro di me”

Intervista a Salvatore Buzzi: “Ho affrontato il processo a c… duro ma la Procura non ha voluto smantellare nulla. Oggi si ruba come allora”

di Beatrice Nencha Intervistare Salvatore Buzzi (uscito dal carcere lo scorso 26 giugno, per decorrenza dei termini di custodia cautelare) sul maxi-processo “Mafia Capitale”, che sin qui gli è costato una condanna pesante a 18 anni  e 4 mesi, è qualcosa di piuttosto spericolato, perché bisogna mantenere il sangue freddo e impedire di farsi trascinare … Continua a leggere Intervista a Salvatore Buzzi: “Ho affrontato il processo a c… duro ma la Procura non ha voluto smantellare nulla. Oggi si ruba come allora”

Il Cerchio, storia di magistrati, politica e stampa. Il “suicidio perfetto” del potere

di Alessandro Ambrosini Ieri sera, a Non è l’Arena, programma condotto da Massimo Giletti, è andato in onda un vero e proprio “suicidio”, senza sangue e senza morti. Lo scontro telefonico tra il procuratore antimafia e membro del Csm, Nino Di Matteo e il ministro di Giustizia, Alfonso “Dj Fofò” Bonafede, mette una pietra tombale … Continua a leggere Il Cerchio, storia di magistrati, politica e stampa. Il “suicidio perfetto” del potere

Giurò la morte di Maniero. Esce oggi il suo ex “braccio armato”, Antonio Pandolfo

di Alessandro Ambrosini E’ entrato in carcere a trentanove anni, con una sfilza di reati e una condanna a venticinque anni di prigione con l’aggravante dell’associazione mafiosa. Oggi, dopo aver scontato la pena, torna a essere un libero cittadino, il “braccio armato” di Felice Maniero: Antonio Pandolfo. Una vita vissuta tra rapine, droga, gioco d’azzardo, … Continua a leggere Giurò la morte di Maniero. Esce oggi il suo ex “braccio armato”, Antonio Pandolfo

Pietro Catalani: “Con Mafia Capitale abbiamo sbagliato ma abbiamo aperto una nuova strada. In Appello, sì al patteggiamento per gli imputati”

di Beatrice Nencha “Io personalmente ho commesso degli errori, non c’è ombra di dubbio”. Parola di Pietro Maria Catalani, sostituto procuratore generale nell’Appello del maxi-processo “Mondo di Mezzo” (ex Mafia Capitale). Eppure per l’avvocato Giosué Bruno Naso, già difensore storico di Massimo Carminati, la colpa della “débacle” nel secondo grado di giudizio è da attribuire … Continua a leggere Pietro Catalani: “Con Mafia Capitale abbiamo sbagliato ma abbiamo aperto una nuova strada. In Appello, sì al patteggiamento per gli imputati”

Paradossi del Mondo Di Mezzo: Niente più “mafiosi”, solo “semplici” criminali. Chi torna a dormire a casa, mentre i politici vanno in galera

di Beatrice Nencha Non (c’)era “Mafia” (nella) Capitale. E per chi è stato all’epoca protagonista – nomi del calibro di Massimo Carminati, Riccardo Brugia, Salvatore Buzzi, Roberto Lacopo, Matteo Calvio e altri 17 imputati riconosciuti “sodali” a vario titolo dell’associazione – della maxi-inchiesta che nel dicembre 2014 terremotò la Capitale, non si potrà più usare … Continua a leggere Paradossi del Mondo Di Mezzo: Niente più “mafiosi”, solo “semplici” criminali. Chi torna a dormire a casa, mentre i politici vanno in galera

Mondo di mezzo/ Dodici dicembre 2012, il giorno della morte di “Mafia Capitale”(prima parte)

di Alessandro Ambrosini E’ Il 12 dicembre 2012. In edicola esce il numero dell’Espresso con una copertina da prendere e conservare. Un titolo roboante: I quattro re di Roma. La firma dell’articolo è di Lirio Abbate, un giornalista che di mafia se ne intende perché combattuta e subita, poiché vive da anni sotto scorta. I … Continua a leggere Mondo di mezzo/ Dodici dicembre 2012, il giorno della morte di “Mafia Capitale”(prima parte)

L’avvocato:”Maniero è in un reparto protetto”. Le domande che non trovano risposta

di Alessandro Ambrosini Questa mattina, Felice Maniero, sarà sentito nell’interrogatorio per la convalida del suo arresto avvenuto giovedi scorso. Dovrà rispondere del reato di maltrattamenti nei confronti della sua compagna Marta Bisello. Abbiamo raggiunto telefonicamente l’avvocato che lo segue, Luca Broli, che ci ha concesso qualche battuta sui fatti che riguardano il suo assistito Avvocato, … Continua a leggere L’avvocato:”Maniero è in un reparto protetto”. Le domande che non trovano risposta

“L’antimafia di potere” e la sua paura per la verità

di Alessandro Ambrosini E venne il giorno in cui la cosiddetta “antimafia”, quella fatta di associazioni più o meno utili, più o meno asservite a logiche di potere o politiche sbarcò in Veneto. Era l’inizio di Gennaio 2019 (sembra passato un secolo), quando a seguito di arresti e sequestri, le forze dell’ordine, riuscirono a chiudere … Continua a leggere “L’antimafia di potere” e la sua paura per la verità

Andria/ Un morto e un ferito nella faida per lo spaccio.La vittima è il fratello di un boss

Un uomo è morto e un altro è rimasto ferito ieri in tarda serata ad Andria in un agguato a colpi d’arma da fuoco avvenuto nella villa comunale. La vittima è Vito Griner, 40 anni, pregiudicato, fratello di un presunto boss della malavita. Il ferito è in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. Vito Griner era … Continua a leggere Andria/ Un morto e un ferito nella faida per lo spaccio.La vittima è il fratello di un boss