Quel maxi carico di coca finito nell’abisso vicentino

di Marco Milioni Nel dicembre 2018 il Vicentino è scosso da una notizia eclatante. Oltre mezzo quintale di cocaina (ma il quantitativo non è certo) viene rinvenuto nel piazzale della conceria Cristina di Montebello ( Coca alla conceria Cristina. Indagini a 360 gradi nessuno escluso). Si tratta di uno dei ritrovamenti più significativi di quell'anno … Continua a leggere Quel maxi carico di coca finito nell’abisso vicentino

Maniero rischia: cambio di carcere

di Monica Andolfatto per il Gazzettino   Oggi (il 4 novembre per chi legge), il suo difensore depositerà la richiesta al Riesame per l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare che lo ha fatto finire in cella lo scorso 18 ottobre con l’accusa di maltrattamenti alla compagna. Per l’avvocato Luca Broli è l’ultima data utile per giocare anche … Continua a leggere Maniero rischia: cambio di carcere

Giurò la morte di Maniero. Esce oggi il suo ex “braccio armato”, Antonio Pandolfo

di Alessandro Ambrosini E’ entrato in carcere a trentanove anni, con una sfilza di reati e una condanna a venticinque anni di prigione con l’aggravante dell’associazione mafiosa. Oggi, dopo aver scontato la pena, torna a essere un libero cittadino, il “braccio armato” di Felice Maniero: Antonio Pandolfo. Una vita vissuta tra rapine, droga, gioco d’azzardo, … Continua a leggere Giurò la morte di Maniero. Esce oggi il suo ex “braccio armato”, Antonio Pandolfo

Per Maniero non si aprono le porte del carcere. Rigettata la richiesta di scarcerazione

di Alessandro Ambrosini Felice Maniero rimane in carcere. E' questa la notizia riportata dal Giornale di Brescia circa la decisione del gip Luca Tringali davanti alla richiesta di scarcerazione fatta dall'avvocato Luca Broli, difensore dell'ex boss della Mala del Brenta. La denuncia d'ufficio che ha portato all'arresto di Maniero consiste nel reato di maltrattamenti verso … Continua a leggere Per Maniero non si aprono le porte del carcere. Rigettata la richiesta di scarcerazione

Felice Maniero in manette. Quando la violenza sulle donne ha la faccia di un boss “coccolato”

di Ambrosini Alessandro Luca Mori alias Felice Maniero è tornato in carcere. Questa è la notizia che il Giornale di Brescia, nell’edizione di oggi, mette in prima pagina. Non entra nel carcere di Bergamo con accuse legate alla sua attività di boss mafioso, nemmeno per quella di “imprenditore”. L’accusa firmata giovedì dal gip bresciano Luca … Continua a leggere Felice Maniero in manette. Quando la violenza sulle donne ha la faccia di un boss “coccolato”

‘Ndrangheta, le condoglianze dei mafiosi all’imprenditore di Vicenza

di Andrea Priante e Silvia Moranduzzo per il Corriere del Veneto Prima le minacce a un imprenditore vicentino: «Pagherai tu, in un modo o nell’altro». Poi le intimidazioni: l’auto bruciata, una molotov contro la casa, un mazzo di fiori e un biglietto di condoglianze davanti alla porta. E quella telefonata anonima: «Siamo solo all’inizio». Così … Continua a leggere ‘Ndrangheta, le condoglianze dei mafiosi all’imprenditore di Vicenza

“Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto

di Alessandro Ambrosini La prima volta che incrociai Maurizio Dianese, uno dei giornalisti di punta della “nera” in Veneto, fu nel novembre del 2013. Lo chiamai telefonicamente per avere spiegazioni di un suo articolo che parlava della mia denuncia per minacce e ingiurie nei confronti di Felice Maniero. Storicamente, sul Gazzettino, tutto ciò che riguardava … Continua a leggere “Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto

La replica di Maurizio Dianese:”Sono colpevole di giornalismo”

di Redazione Ricevo e pubblico la replica di Maurizio Dianese. I suoi toni non li commento, come non commento le sue invettive. Risponderò punto per punto in un articolo, pubblicherò tutto ciò che servirà per far capire questa querelle durata anche troppo. Sembrerà una battaglia per "addetti ai lavori", ma non è così. E' tempo … Continua a leggere La replica di Maurizio Dianese:”Sono colpevole di giornalismo”

Tra mafia e informazione una gentilezza di troppo. Quando l’intervista diventa strumento delle mafie

di Alessandro Ambrosini Quando gli organi d’informazione trattano argomenti di mafia o criminalità organizzata, il dogma per chi scrive o ne parla, è il rigore più assoluto. E’ una regola non scritta e molte volte non seguita da testate giornalistiche e da scrittori che si occupano dell’argomento. Soprattutto quando si ha la possibilità di intervistare … Continua a leggere Tra mafia e informazione una gentilezza di troppo. Quando l’intervista diventa strumento delle mafie

Fine pena per Ennio Rigato, il “rapinatore” della Mala del Brenta. Fine pena mai per i familiari delle sue vittime

di Alessandro Ambrosini A Creazzo, un paese in provincia di Vicenza, , solo una lapide commemorativa rimane a ricordare che il tempo, per certe cose, non passa mai. Anche l’insegna della Banca Popolare è stata sostituita da quella di Banca Intesa. Un segno che dimostra che anche le presunte certezze scivolano via. Tranne il dolore … Continua a leggere Fine pena per Ennio Rigato, il “rapinatore” della Mala del Brenta. Fine pena mai per i familiari delle sue vittime