Quarant’anni di mala romana sotto il segno del clan Senese

Se esistesse una bilancia per pesare la consistenza criminale di un clan a Roma, quello dei Senese, sarebbe senza dubbio il più rilevante. Chi si ferma alla provenienza della famiglia di Michele ‘o pazzo, il boss del clan, non ha capito e osservato attentamente la storia criminale di Roma negli ultimi decenni. Nato rapinatore, Michele Senese, … Continua a leggere Quarant’anni di mala romana sotto il segno del clan Senese

Il quinto re di Roma -seconda parte-

di Alessandro Ambrosini E’ dicembre 2012, quando uscì in edicola l’articolo-copertina dell’Espresso: "I quattro re di Roma", a firma di Lirio Abbate. Un titolo inesatto, che il sottoscritto ribadì su Fanpage, dopo l’arresto di Massimo Carminati, due anni dopo in un’intervista “coperta”, ancora oggi attuale. Allora, a Nicitra, diedi lo scettro di “Quinto re di … Continua a leggere Il quinto re di Roma -seconda parte-

Il quinto re di Roma -prima parte-

di Alessandro Ambrosini A volte si pensa che i capelli grigi, una storia romanzata e finita in pasto alla cinematografia, il trascorrere del tempo e l’avanzata impetuosa di nuove forme di criminalità siano la tomba ideale per i “vecchi arnesi” della Banda della Magliana. Niente di più sbagliato. L’arresto di Salvatore Nicitra, avvenuto giorni fa … Continua a leggere Il quinto re di Roma -prima parte-

Il caso Lupacchini. La sentenza del Csm regala fiato al crimine organizzato. Si stappa champagne e si medita vendetta tra i vecchi e i nuovi clan / Seconda parte

di Alessandro Ambrosini C’è un antico proverbio arabo che recita: “Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani”. E’ quello che, metaforicamente e senza puntare il dito su nessuno in particolare, sta succedendo dopo il trasferimento dell’ex procuratore generale di Catanzaro, Otello Lupacchini. … Continua a leggere Il caso Lupacchini. La sentenza del Csm regala fiato al crimine organizzato. Si stappa champagne e si medita vendetta tra i vecchi e i nuovi clan / Seconda parte

Esclusiva/ L’ultimo caffè di Diabolik

di Beatrice Nencha Il suo ultimo caffè Fabrizio Piscitelli l’ha sorseggiato in via Tiburtina, in un moderno open space che è oggi la sede aziendale di un personaggio molto noto alle cronache (giudiziarie e non) capitoline. Ma che, soprattutto negli ultimi due anni, è stato anche uno dei pochi a potersi fregiare, autenticamente come provano … Continua a leggere Esclusiva/ L’ultimo caffè di Diabolik

Nell’omicidio di Cinecittà la mala romana perde una torre. Roma è una scacchiera che brucia

di Alessandro Ambrosini Ogni omicidio a Roma non è mai solo un omicidio. E’ sempre qualcosa di diverso dai morti ammazzati nelle altre città “calde”. L’assassinio è sempre una mossa in una grande partita a scacchi. Con uomini veri, non figura di legno lavorate. Ci sono tutti i pezzi che si muovono, anche impercettibilmente: i … Continua a leggere Nell’omicidio di Cinecittà la mala romana perde una torre. Roma è una scacchiera che brucia

L’omicidio di Diabolik è la bomba o l’innesco? In autunno a Roma non cadranno solo foglie

di Alessandro Ambrosini Roma non sanguina. Roma “butta” sangue, quando i corpi senza vita rimangono sul selciato o sul terriccio di un parco. E il sangue, questa volta, non è solo quello di un uomo ma è quello del capo curva più famoso in Italia e all’estero: Fabrizio Piscitelli, per tutti gli ultras solo Diabolik, … Continua a leggere L’omicidio di Diabolik è la bomba o l’innesco? In autunno a Roma non cadranno solo foglie

Napoli/ Quando la morte arriva dal clan che hai servito. Arrestato l’assassino del killer degli Amato-Pagano

La Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea, nei confronti di due indagati per l’omicidio di Mirko Romano, ucciso a Melito (Napoli) il 3 dicembre 2012. Le indagini hanno consentito di ricostruire il mandante e l’esecutore di un omicidio di epurazione interna, deciso dai vertici del clan … Continua a leggere Napoli/ Quando la morte arriva dal clan che hai servito. Arrestato l’assassino del killer degli Amato-Pagano

Arrestato in Marocco latitante del clan Polverino. Era nella black list dei più ricercati

Raffaele Vallefuoco, 55enne di Marano, ritenuto uomo di spicco del clan camorristico dei Polverino, presente nell’area nord della provincia napoletana, è stato localizzato nella città di Tangeri dai carabinieri della sezione ’catturandi’ del reparto operativo di Napoli, coordinati nelle indagini dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea. È stato catturato dal personale della polizia marocchina con il supporto del servizio di cooperazione internazionale. … Continua a leggere Arrestato in Marocco latitante del clan Polverino. Era nella black list dei più ricercati

“Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto

di Alessandro Ambrosini La prima volta che incrociai Maurizio Dianese, uno dei giornalisti di punta della “nera” in Veneto, fu nel novembre del 2013. Lo chiamai telefonicamente per avere spiegazioni di un suo articolo che parlava della mia denuncia per minacce e ingiurie nei confronti di Felice Maniero. Storicamente, sul Gazzettino, tutto ciò che riguardava … Continua a leggere “Caro Dianese, la verità non è un taglia e cuci”. Da Maniero al boss dei casalesi, il giornalismo “con inchino” nel porto delle nebbie chiamato Veneto