Quel maxi carico di coca finito nell’abisso vicentino

di Marco Milioni Nel dicembre 2018 il Vicentino è scosso da una notizia eclatante. Oltre mezzo quintale di cocaina (ma il quantitativo non è certo) viene rinvenuto nel piazzale della conceria Cristina di Montebello ( Coca alla conceria Cristina. Indagini a 360 gradi nessuno escluso). Si tratta di uno dei ritrovamenti più significativi di quell'anno … Continua a leggere Quel maxi carico di coca finito nell’abisso vicentino

Appello bis, l’abbraccio (plateale) dei due ex “Re” del Mondo di Mezzo e lo sfogo del legale Diddi: “Condizionato dall’esposto contro di me”

di Beatrice Nencha Se ci fosse un’immagine iconica della prima udienza, meramente “tecnica” (si entrerà nel vivo solo dal 3 novembre, con le richieste di patteggiamento), del nuovo processo in Corte di Appello agli imputati del “Mondo di Mezzo”, sarebbe la foto dell’abbraccio tra l’ex “Re di Roma” Massimo Carminati, ormai scagionato dall’accusa di mafiosità … Continua a leggere Appello bis, l’abbraccio (plateale) dei due ex “Re” del Mondo di Mezzo e lo sfogo del legale Diddi: “Condizionato dall’esposto contro di me”

Truffa, ipocrisia, delazione, ricerca della parola più odiosa, dell’oltraggio, dell’umiliazione del sospetto: costante di tutte le campagne moralizzatrici

di Giustiniano Bono ( l'architetto di Begrass) All’Architetto di Begrass, ormai onusto d’anni, capita, talvolta, d’indulgere alla nostalgia. Eccolo, allora, per alleviare le sofferenze che gli infligge impietosa la canicola ferragostana, immergersi nella lettura del terzo volume di Io e l’architettura di Frank Lloyd Wright (Mondadori, 1955), ripescato nella sua disordinatissima biblioteca. Non si è … Continua a leggere Truffa, ipocrisia, delazione, ricerca della parola più odiosa, dell’oltraggio, dell’umiliazione del sospetto: costante di tutte le campagne moralizzatrici

Editoriale/ Uomini-ratto o deratizzatori pavidi

di Giustiniano Bono Dies irae: «Verranno giorni in cui, di tutto quello che ammirate, non resterà pietra su pietra che non venga distrutta» (Luca XXI, 6). È così evidente, da non sfuggire neppure a un Architetto di Begrass, che la credibilità della magistratura non soltanto appare, ma, purtroppo, è in caduta libera. E non soltanto … Continua a leggere Editoriale/ Uomini-ratto o deratizzatori pavidi

Gratteri si prepara al maxiprocesso, ma il gip non ha ancora deciso

di Tiziana Maiolo per Il Riformista La grancassa del maxiprocesso con mille partecipanti su un territorio di tremila metri quadri è sempre più roboante e viene annunciata ogni settimana almeno con un'intervista al procuratore Nicola Gratteri, che non soffre certo di crisi di astinenza Una sguaiataggine continuata che pare non turbare i sonni di quel Consiglio … Continua a leggere Gratteri si prepara al maxiprocesso, ma il gip non ha ancora deciso

“Ielo tiene per le palle il procuratore capo di Perugia”. La calunnia su cui (stranamente) nessuno indaga. Come mai tutto questo interesse attorno all’esposto di Fava al Csm?

di Beatrice Nencha Non c’è solo Luca Palamara, ma c’è anche la difesa dell’ex consigliere del Csm Luigi Spina (eletto anche lui da Unicost) a chiedere un confronto con il leader di Autonomia & Indipendenza, Piercamillo Davigo, per le indagini difensive sia nel procedimento disciplinare in corso a piazzale dei Marescialli, che  in quello penale … Continua a leggere “Ielo tiene per le palle il procuratore capo di Perugia”. La calunnia su cui (stranamente) nessuno indaga. Come mai tutto questo interesse attorno all’esposto di Fava al Csm?

Una querela, la “guerra di Calabria” e il paradigma della giustizia in Italia

di Alessandro Ambrosini Ci sono storie che sfuggono, molte volte, alla grande stampa. Storie che danno l’esatto metro di valutazione dello stato di salute del nostro Paese. Mentre prosegue, senza troppi clamori mediatici, il processo al “sistema Palamara”, la giustizia italiana si sta misurando su un terreno di “guerra” tra i più complessi e oscuri: … Continua a leggere Una querela, la “guerra di Calabria” e il paradigma della giustizia in Italia

Intervista a Salvatore Buzzi: “Ho affrontato il processo a c… duro ma la Procura non ha voluto smantellare nulla. Oggi si ruba come allora”

di Beatrice Nencha Intervistare Salvatore Buzzi (uscito dal carcere lo scorso 26 giugno, per decorrenza dei termini di custodia cautelare) sul maxi-processo “Mafia Capitale”, che sin qui gli è costato una condanna pesante a 18 anni  e 4 mesi, è qualcosa di piuttosto spericolato, perché bisogna mantenere il sangue freddo e impedire di farsi trascinare … Continua a leggere Intervista a Salvatore Buzzi: “Ho affrontato il processo a c… duro ma la Procura non ha voluto smantellare nulla. Oggi si ruba come allora”

Quarant’anni di mala romana sotto il segno del clan Senese

Se esistesse una bilancia per pesare la consistenza criminale di un clan a Roma, quello dei Senese, sarebbe senza dubbio il più rilevante. Chi si ferma alla provenienza della famiglia di Michele ‘o pazzo, il boss del clan, non ha capito e osservato attentamente la storia criminale di Roma negli ultimi decenni. Nato rapinatore, Michele Senese, … Continua a leggere Quarant’anni di mala romana sotto il segno del clan Senese

La Cassazione polverizza il “Mondo di Mezzo” di Buzzi & Carminati: in tanti nel “Palazzo” si sono consegnati

di Beatrice Nencha Dalle 379 pagine delle “motivazioni” appena depositate della Sesta sezione penale della Corte di Cassazione relative al processo “Mondo di Mezzo” (ex “Mafia capitale”), quella che esce a pezzi non è tanto la caparbietà della Procura di Roma nel voler sostenere, a dispetto di una sentenza contraria di primo grado, l’imputazione di … Continua a leggere La Cassazione polverizza il “Mondo di Mezzo” di Buzzi & Carminati: in tanti nel “Palazzo” si sono consegnati