Campolongo Maggiore (Ve)/ Nella terra di Maniero, l’undicesima Festa Europea della Legalità

La parola legalità torna a risuonare forte in Veneto. Sabato 8 giugno si svolgerà l’undicesima edizione della Festa Europea della Legalità a Campolongo Maggiore, in provincia di Venezia. Unica nel suo genere in tutto il continente, è diventato il naturale appuntamento per la conclusione e la premiazione del concorso intitolato a Cristina Pavesi, vittima innocente di Felice Maniero e della mafia del Brenta. La festa si svolgerà nella villa dell’ex boss “Faccia d’angelo”, da anni confiscata ed assegnata al comune di Campolongo Maggiore. In questa cornice, si svolgerà dalle h 18,30 la S. Messa in suffragio di tutte le vittime innocenti di mafia e di Cristina Pavesi e Matteo Toffanin. A dare un valore aggiunto alle letture della S. Messa, officiata dal parroco di Campolongo Don Emanuele Degan , ci saranno la zia di Cristina Pavesi , Michela Pavesi e Cristina Marcadella, fidanzata di Matteo Toffanin, ucciso dalla mafia per uno scambio di persona, dove la stessa Cristina rimase ferita.

La festa è all’insegna del più ampio significato di legalità ed uguaglianza, perché a cucinare per il buffet che seguirà,  ci sarà il personale dell’associazione della Riviera del Brenta Riviera Donna, associazione che si occupa di protezione delle donne violate da mariti, compagni etc. A servire ai tavoli ci saranno i ragazzi affetti da disabilità  dell’associazione amici dell’arcobaleno sempre della Riviera del brenta.

La festa è patrocinata dalla Commissione Europea, dalla Regione Veneto e da tutti i comuni della Riviera del Brenta ed è stata insignita della medaglia di rappresentanza dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Per le istituzioni saranno presenti il sindaco di Campolongo, Andrea Zampieri e il vicesindaco di Piove di Sacco, Lucia Pizzi.

Vincitrice del premio speciale della giuria è Ilaria Bidini, la ragazza dai capelli rosa, per la sua tesi e i suoi studi sul fenomeno del bullismo. Il premio è una borsa di studio dal valore di 500 euro messo a disposizione della nazionale cantanti.

Alle 21.00, dopo un buffet offerto dalla Coop Alleanza 3.0, la serata continuerà con un concerto del rapper modenese Marco Baruffaldi, alias Baruffabomber. Metriche e rime più potenti della sindrome di down che lo accompagnano. Il concerto è ad entrata libera.

Organizza: Mondo di Carta, Auser, Nazionale cantanti e altri associazioni no profit.