Palermo/ Arresti e perquisizioni da Palermo a Vicenza per fermare un gruppo di trafficanti di droga (Video)

2016-07-12_101409La Polizia di Stato sta eseguendo, dalle prime luci dell’alba,  numerose Ordinanze di Custodia Cautelare, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di altrattanti esponenti di spicco di cellule malavitose palermitane e partenopee, costituenti un’unica joint venture criminale dedita al traffico illecito di stupefacenti del tipo cocaina, eroina, hashish e marijuana. Le ingenti quantità di droga venivano immesse, oltrechè nei mercati del Capoluogo isolano, anche, in larga parte, in quelli della Sicilia Occidentale, in località quali Mazara del Vallo, Marsala, Alcamo e Castellammare del Golfo, nonché nel territorio di Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento.

Nell’operazione odierna sono impegnati un centinaio di uomini della Squadra Mobile di Palermo.

Gli investigatori della Sezione Antidroga, coadiuvati da Unità Cinofile, da pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine e con l’ausilio di personale degli omolghi organi investigativi delle Questure di Agrigento, Messina, Trapani e Vicenza, stanno eseguendo, contestualmente agli arresti, numerose perquisizioni, a Palermo e in altre località delle Province sopra indicate, nei confronti di appartenenti ai sodalizi criminali scoperti con le indagini e dei relativi fiancheggiatori.

Ad uno degli esponenti di spicco dell’organizzazione criminale sono stati sequestrati beni per circa 1 milione di Euro, tra cui una lussuosa villa alle porte di Palermo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...