Palermo/Mafia: duro colpo al clan di Pietraperzia, dieci persone arrestate

12399294_877767972344219_1971844262_nI carabinieri di Enna hanno eseguito 10 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone ritenute appartenenti alla famiglia mafiosa di Pietraperzia. L’attività investigativa, condotta dalla Compagnia di Piazza Armerina tra l’aprile 2011 e il dicembre 2013, ha permesso di ricostruire le dinamiche mafiose nel Comune di Pietraperzia ed è stata finalizzata ad azzerare il clan facente capo ai fratelli Giovanni e Vincenzo Monachino. I destinatari delle misure cautelari rispondono a vario titolo di associazione di tipo  mafioso finalizzata alla commissione di estorsioni, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione illegale di armi e munizioni. L’operazione, rappresenta un ennesimo duro colpo a Cosa Nostra nella Provincia di Enna. Gli investigatori sono riusciti a documentare la continua programmazione di attività criminali da parte del clan; la disponibilità di armi, al punto che in più occasioni venivano organizzate vere e proprie esercitazioni di tiro in improvvisati poligoni nelle campagne di Pietraperzia; il controllo della criminalità comune; la disponibilità ad intervenire per dirimere qualsiasi controversia tra privati cittadini; l’azione di controllo del territorio, consentendo ai vari affiliati di essere informati in tempo reale delle iniziative assunte dalle Forze dell’ordine nel paese; l’attività di assistenza in favore degli affiliati detenuti e dei loro familiari; il continuo interesse circa lo svolgimento di varie attività economiche sul territorio, al fine di avvicinare gli imprenditori per imporre loro il pizzo o l’assunzione di un appartenente al clan o di persone vicine all’organizzazione mafiosa. Più in particolare, è stata accertata una richiesta di svariate magliaia di euro ai danni di un’impresa edile aggiudicataria di un appalto pubblico del valore di 6 milioni di euro, riguardante la manutenzione dell’autostrada A/19. All’operazione, denominata “Primavera”, hanno preso parte 80 militari del Comando Provinciale di Enna, insieme ad unità cinofile per la ricerca di stupefacenti e armi e con il supporto aereo di un elicottero del Nucleo Elicotteri di Catania. (Fonte askanews.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...