Napoli/Camorra: maxi blitz all’alba con l’arresto di 90 persone

carabinieriOra la camorra la facciamo noi. Tanto Chernobyl non ci sta più. Ora è peggio…ci stanno le donne”. Nunzia D’Amico, sorella dei boss Antonio e Giuseppe uccisa il 15 ottobre dell’anno scorso, parlava così in un’intercettazione resa oggi pubblica dai carabinieri. La donna era al tempo al vertice dell’omonimo clan, oggi azzerato dal maxiblitz con 90 arresti portato a termine dai carabinieri nel rione Conocal a Ponticelli. “Chernobyl” era il soprannome del compagno della D’Amico, quel Salvatore Ercolani – elemento di spicco del clan – che aveva lasciato a lei le redini del sodalizio criminale dopo il suo rocambolesco arresto avvenuto nel 2014. Dopo di lui, le donne al potere. Spietate, assetate di protagonismo: è così che molti carabinieri avevano descritto la D’Amico e le sue sodali. La collaboratrice di giustizia Maria Grandulli, ad esempio, ha spiegato che “Annunziata era il vero capo famiglia dei D’Amico”. E l’indagine che oggi si è conclusa con la retata ha confermato pienamente questo suo ruolo. Il clan – per i carabinieri – controllava tutte le attività della periferia Est che riguardavano piazze di spaccio, estorsioni e case popolari. (Fonte napolitoday.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...