Catanzaro/ Lupara bianca ‘ndranghetista per la morte di Giuseppe Todaro. In manette il cognato

carab5_nottecriminaleSequestro di persona e omicidio premeditato, aggravati dal metodo mafioso. Queste le
contestazioni riportate nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere che i Carabinieri del nucleo investigativo di Catanzaro hanno notificato stamane a Davide Sestito, 38 anni. Sestito e’ accusato di aver sequestrato e poi ucciso il cognato Giuseppe Todaro, 35 anni.

Il provvedimento, emesso dal gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Dda, e’ stato notificato in carcere, dove Sestito era gia’ detenuto in seguito all’aresto avvenuto in Germania, per un altro provvedimento.
L’omicidio Todaro, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, sarebbe da inserire nello scontro fra le cosche mafiose del basso Ionio catanzarese. Sestito avrebbe agito in
concorso con Maurizio Tripodi, 57 anni, condannato in appello a venti anni di reclusione, Michele Lentini, 45, attualmente a giudizio davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro per il quale il pm ha di recente chiesto l’ergastolo con isolamento diurno per un anno, e i defunti Vittorio Sia e Agostino Procopio.

La scomparsa di Giuseppe Todaro avvenne nella notte tra il 21 e il 22 dicembre 2009 ed i
Carabinieri del Nucleo investigativo di Catanzaro e della Compagnia di Soverato avviarono subito le indagini con intercettazioni e verifica delle telecamere di sicurezza della
zona che permisero in poco tempo di stringere il cerchio nei confronti di Sia, Procopio, Lentini e Tripodi, posti prima in stato di fermo e poi raggiunti anche dall’ordinanza cautelare per l’operazione “Showdown”.
L’attivita’ investigativa ha anche stabilito che la scomparsa di Giuseppe Todaro sarebbe stata la reazione all’agguato nei confronti del boss Vittorio Sia, avvenuto il 21
dicembre 2009, il quale avrebbe poi ordinato di colpire, per ritorsione, la famiglia Todaro. A confermare la ricostruzione anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia,
tra i quali Antonino Belnome, Bruno Procopio, Gianni Cratarola.
Attivita’ investigative e dichiarazioni dei collaboratori avrebbero confermato che Sestito avrebbe attirato il cognato Giuseppe Todaro in una trappola, invitandolo a salire a bordo
del furgone Fiat Doblo’ di Agostino Procopio, facendo perdere definitivamente le tracce della vittima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...