Catania/ Dia all’opera. Sequestro di beni al fratello di “Pilu Russu”, uno dei boss del clan dei Carateddi

foto 2Dalle prime ore della mattina, personale della Direzione investigativa antimafia di Catania, guidata dal capocentro Renato Panvino, sta eseguendo un decreto di confisca dei beni emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, supportato dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, nei confronti di Giuseppe Privitera, 45 anni, elemento di spicco del clan mafioso dei Carateddi, capeggiato dal fratello e noto boss Orazio , inteso ’Pilu Russu’, detenuto in regime di 41 bis.

Il provvedimento in esecuzione giunge a conclusione di un complesso iter giudiziale avviato con la proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla, già culminato nell’emanazione di un decreto di sequestro patrimoniale nel novembre 2014.

La confisca di oggi interessa quote sociali di un’impresa esercente l’attività di commercio di prodotti caseari ed allevamento e commercializzazione di bovini, ovini, caprini e polli, con relativo compendio aziendale (macchinari, veicoli, attrezzature, e quant’altro), fabbricati, terreni, automezzi e disponibilità finanziarie, a lui riconducibili, per un valore complessivo di oltre 800mila euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...